lunedì 23 febbraio 2015

Strafalario: lemma che quasi tutti disconoscono …

... e oggi pochi conoscono pur essendo, a mio parere, una delle tante affascinanti parole del napoletano classico che, tuttavia, diventa sempre più desueta e non certo per mancanza di strafalariCome spesso accade, c'è un motivo per questo post ed è il fatto che di recente mi sono imbattuto un paio di volte nel termine spagnolo estrafalario concludendo, forse frettolosamente, che il vocabolo napoletano derivasse da esso. Per mia, solita, curiosità sono andato a leggere la definizione sul dizionario online della RAE (Real Academia Española, l'equivalente della nostra Accademia della Crusca) e con mia sorpresa la nota etimologica recitava: (Del it. dialect. strafalario, persona desaliñada) (!) quindi dall’italiano dialettale, pur segnalandone l’uso in Spagna fin dal ‘700. E di seguito riporto la definizione che specifica l’uso colloquiale del termine e lo classifica solo come aggettivo mentre in altri testi viene proposto anche come nome. I significati sono assolutamente identici a quelli classici napoletani e non per forza negativi.
1. adj. coloq. Desaliñado en el vestido o en el porte. 
2. adj. coloq. Extravagante en el modo de pensar o en las acciones. 
E su altro testo, in chiaro: La palabra estrafalario procede del italiano dialectal strafalario, persona desaliñada.
Effettuando poi una ricerca online fra i vocabolari e testi napoletani antichi ho trovato:
strafalario . uomo miserabile . È voce tutta degli Spagnoli, che dicono estrafilario nello stesso senso (Vocabolario delle parole del dialetto napoletano che più si scostano dal dialetto toscano ... di  Ferdinando Galiani, Porcelli, 1789)
strafalari (che anche dicesi Strafusari). Avventato. Uomo inconsiderato, precipitoso. - Gli Spag. hanno estrafilario per uomo mal in arnese, meschino. (Vocabolario milanese-italiano Francesco Cherubini Stamperia Reale, 1814)
strafalario: uomo trascurato e sciatto, ... (Vocabolario napoletano-italiano, Raffaele Andreoli, 1887)
Ho evidenziato in giallo due precisazioni (molto strano trovare la seconda in un vocabolario milanese) che sembrano sostenere il contrario di quanto affermato dalla RAE e mi hanno "illuminato" in merito alla possibile vera origine del termine che nessuno cita con chiarezza per provenire da altro idioma. Ho ipotizzato che estrafilario potesse molto semplicemente derivare da extra filario, fuori dell'allineamento, della norma, della consuetudine, quindi originale, stravagante, ecc. e detta supposizione sarebbe assolutamente congruente con il significato più comune della parola strafalario, almeno per gran parte del ‘900. In questo periodo pare che in Italia fosse utilizzato comunemente solo in napoletano e in siciliano (ma in Trinacria con significati un po’ diversi e soprattutto dispregiativi simili a quelli proposti a inizio '800 come "uomo miserabile" e "meschino").
Estrafalario è identico in spagnolo e in portoghese e, controllato il vocabolario lusitano, ho appreso che anche i portoghesi sostengono l’origine spagnola del lemma e concordano perfettamente con i significati più frequentemente associati sia in spagnolo che in napoletano:
(espanhol estrafalario) adjectivo Que mostra falta de elegância ou de agilidade. = DESAJEITADO  
Que é esquisito ou pouco convencional
Come dicevo, esiste anche in siciliano diventando Strafalaria/u ma come primo significato viene proposto “Cialtrone”, mentre per il femminile si intende soprattutto “donna di facili costumi”. Può tuttavia essere attribuito a chi è “Stravagante. Strampalato”. Anche in napoletano il termine ha ampliato il suo campo di applicazione diventando anche sinonimo di "scansafatiche inveterato", "fannullone patentato", "scombinato". Resta, in line di massima, principale l'idea dell'originalità, assoluta mancanza di conformismo, in particolare per quanto riguarda l'abbigliamento.
 

estrafalario: desaliñado en el vestido o en el porte. Extravagante en el modo de pensar o actuar. (Diccionario Porrua Mexicano)
estrafalario, estrafalaria - adj. Extravagante, ridículo: Ese hombre lleva un sombrero estrafalario.
   
Nel forum  Scioglilingua (di Giorgio De Rienzo e Vittoria Haziel, Corriere della Sera) fu pubblicato questo post a firma di Vienna Adria 
strafalario… extrafalário(a) è un sostantivo/aggettivo di uso corrente sia in portoghese che spagnolo più o meno con lo stesso significato del dialetto siciliano. Ci risiamo con i "residui" della dominazione spagnola in Italia, Tuttavia questa volta si tratta di residui della dominazione romana nella penisola iberica. Infatti la falarica (sp.e port.= falério) era un giavellotto usato dai romani in quelle lande. Se ne dovrebbe dedurre que "extra-falário" era qualcuno che non si adattava agli usi e costumi dei dominatori.
Per quanto simile a quella da me proposta, questa dei giavellotti mi sembra una etimologia un po’ più forzata e meno attinente al significato della parola nelle varie regioni fra le quali, oltretutto, non viene citata la Campania e tantomeno Napoli. Ma, fino a prova contraria, tutte le teorie sono accettabili e rispettabili.
Per sottolineare i modi molto diversi e non tutti assolutamente negativi, posso affermare che posso pensare di essere senz'altro uno strafalario in quanto non conformista nell'agire e nel vestire, ma certamente non sono un bighellone, perditempo e nullafacente (anche se qualcuno lo può pensare) e tantomeno meschino.

Ogni integrazione o ipotesi di diversa etimologia sarà chiaramente benvenuta.

3 commenti:

  1. Estrafalario è usato oggi per definire l'incontro Rajoy - Sanchez
    V.El Pais, p.1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la segnalazione.
      Strafalario è un termine affascinante a partire dalla combinazione di lettere.
      Giovanni

      Elimina
  2. Estrafalario è usato oggi da El Pais - p.1 - per commentare l'incontro Rajoy -Sanchez.

    RispondiElimina