lunedì 20 aprile 2015

Aspetti di vita lagunare

A Venezia bisogna andare a piedi! Grande cosa! Non troverete mai macchine di traverso o fuori posto che bloccano anche i marciapiedi. Mi chiedo come farebbero i tanti che pretendono di parcheggiare davanti al negozio o ufficio dove devono andare, e non vanno fino a dentro giusto perché non possono salire le scale o passare per il varco troppo stretto.
Altra conseguenza, assolutamente positiva, dell’assenza di auto e motorini è il fatto che ancora oggi nel 2015 i bambini possono tranquillamente giocare all’aperto senza tema di essere falciati da un pirata della strada o dal primo ubriaco che passi. Come avevo già accennato nel post del 16 aprile, i bambini che popolano campi e campielli si di monopattini colorati, con il solito pallone e con tanti altri giochi che includono disegni sul selciato. Queste attività sono tanto diffuse queste che spesso i ragazzi, a corto di gessetti, utilizzano in loro vece pezzi di intonaco, tanto da costringere i proprietari delle case ad affiggere cartelli come questo in basso, visto a Campo Santa Margherita. Servirà?
   
Altro elemento che mi ha colpito sono i panni stesi ad asciugare. Napoli è famosa nel mondo per il modo tradizionale di asciugare il bucato e per fortuna si continua a fare così, nonostante ogni tanto si tenti di impedirlo con ordinanze, divieti e leggi. Ebbene, sappiate che i napoletani sono in buona compagnia in quanto anche a Venezia si sfrutta "l'energia solare" come si è sempre fatto.
Mi sono sempre chiesto come mai di tanto in tanto una qualche amministrazione locale tenti di impedirlo. Hanno amicizie nell’ambiente della produzione o vendita di lavatrici/asciugatrici? Da queste prendono mazzette? Lo fanno solo per fare notizia? Perché si oppongono se si risparmia energia, non si inquina e non si peggiora il buco nell'ozono?
   
Un’ultima considerazione: se bucate sulla terraferma, risolvete facilmente il problema con la ruota di scorta (che dovreste avere) o chiamando l’assistenza stradale o un carro attrezzi, ma attenzione! se bucate in laguna ... andrete miseramente a fondo.